Gestione del credito: 'organizzazione' è la parola chiave!

Gestione del credito: 'organizzazione' è la parola chiave!

Tempo di lettura: 3 min
Gestione del credito: 'organizzazione' è la parola chiave!

Il lavoro, si sa, ha mille diverse sfaccettature, alcune più poetiche, altre più concrete: se infatti da un lato lavorare è il modo per realizzare se stessi e i propri obiettivi, dall’altro la componente economica, semplicemente il guadagno che ne traiamo, è un fattore fondamentale. Diciamocelo, chi potrebbe negarlo?

Ogni forma di scambio che non sia immediato, come un baratto, si basa infatti su una remunerazione di tipo economico, la quale è basata sull’accettazione da entrambe le parti di una responsabilità: quella di fornire qualcosa e quella di… Pagarlo!

Quando fornite i vostri servizi o prodotti ai vostri clienti, in effetti quello che fate è “esporvi al rischio”: quale? Quello, ahinoi, di non essere pagati nei tempi e nei modi stabiliti.

Ecco perché è necessario utilizzare procedure e strumenti per la cosiddetta gestione del credito, insomma, tutto ciò che serve per potersi assicurare i pagamenti dovuti da parte dei clienti.
Non basta la fortuna di avere buoni clienti: serve una grande capacità di organizzazione, oltre che ottimi collaboratori! Ecco alcuni spunti per voi.

Partiamo dagli strumenti: nel 2019 non possiamo che riferirci a un software adeguato.

È necessario infatti che possiate avere a disposizione tutti i dati relativi alle collaborazioni e ai servizi prestati ai clienti: le anagrafiche, i riferimenti di contatto, la storia della relazione professionale che si è andata sviluppando.
Questo vi permetterà di identificare facilmente eventuali clienti in difficoltà nel pagamento, e contattarli tempestivamente per evitare spiacevoli situazioni.
L’ideale è che il vostro software disponga anche di una funzione che permetta di inviare direttamente email di sollecito, qualora ce ne fosse necessità.

Ma non solo! È importante avere anche uno strumento adeguato che vi permetta di avere sempre sott'occhio le scadenze e i flussi di cassa: in questo modo non correrete il rischio di trovarvi a scoprire gli insoluti solo all’ultimo momento, ma soprattutto di rendervi conto del livello di liquidità a disposizione.

Non bastano però gli strumenti giusti: organizzazione in questo caso significa anche comunicazione!

Se riuscirete a costruire e mantenere un rapporto costante e trasparente con i vostri clienti, sarete sicuramente in grado di capire quando sussistono difficoltà di varia natura, e comprendere così anche i motivi del mancato pagamento: una dimenticanza? Un problema organizzativo? Ritardi legati a fattori esterni?
Sempre grazie alla comunicazione con il cliente potrete poi trovare un accordo e creare, ad esempio, un piano di rientro condiviso.

Infine, la qualità fondamentale per affrontare la gestione del credito è, ovviamente, la precisione.

Forse vorrete affidare questa mansione a un collaboratore specifico, particolarmente incline per competenze e attitudini a concentrarsi su ogni dettaglio e abile nel destreggiarsi nell'uso di strumenti tecnologici utili per tenere tutto sotto controllo.

Essere abili in questo non è semplice e servono grandi doti di organizzazione.

Serve compentenza nel ricordare ogni scadenza e verificare ogni irregolarità, bisogna avere una visione completa su tutto quanto riguarda la gestione di finanza, tesoreria e credito: scadenze di pagamento, incassi, insoluti, rischi credito, per ottenere un sano bilanciamento dei flussi di cassa, e ancora gestire i rapporti con le banche e tenere traccia delle disponibilità finanziarie e delle linee di finanziamento attuali e future.

Avere un software dedicato e sviluppato attorno a questi temi non può che darvi una grande mano. Buon lavoro!

Scritto da Redazione
Creato il: 03 Ottobre 2019
Tema: azienda efficiente
Categoria: gestione del credito
Condividi il post