Corrispettivi telematici in… 3 profili!

Corrispettivi telematici in… 3 profili!

Tempo di lettura: 2 min
Corrispettivi telematici in… 3 profili!

Abbiamo già affrontato il tema dei corrispettivi telematici, un cambiamento piuttosto incisivo, che andrà a modificare gran parte delle abitudini dei vostri clienti e… anche le vostre!

A breve il classico scontrino di carta sparirà e sarà sostituito dalla trasmissione elettronica dei dati necessari ai fini fiscali, i corrispettivi elettronici o telematici, per l’appunto. Una svolta vera e propria nel mondo del commercio per come lo abbiamo sempre conosciuto. Nonostante in questo momento le priorità possano essere altre, è giusto sottolineare come questo cambiamento faccia parte di quel processo di digitalizzazione globale che si sta rivelando sempre più necessario ed efficace nel proteggere e valorizzare le aziende e i professionisti italiani. Per questo è importante essere sempre aggiornati e cercare di capire al meglio ciò a cui porterà questa evoluzione, così come quelle a venire.

Le normative regolano molti aspetti della vita di tutti i giorni, ma in effetti spesso restano un po’ incomprensibili o astratte, e il caso dei corrispettivi telematici lo conferma. Ecco perché è importante, è vero, sapere sempre di cosa stiamo parlando e saperlo nel modo più preciso, “burocratico” e professionale possibile, ma è importante anche averne un’idea più tangibile, in modo da avere ancora tutto più chiaro ed essere altrettanto chiari con i vostri clienti (che hanno sempre un gran bisogno di chiarezza!).

Ecco perché abbiamo deciso di fornirvi qualche esempio concreto, per la precisione tre, suddivisi in tre differenti “personas”

Carlo, il negoziante “esperto”

Carlo è il proprietario di un negozio di abbigliamento. Esegue ogni giorno diverse transazioni ed è già “abituato” in parte a ciò che cambierà, perché ha un registratore di cassa, ma può eventualmente integrare tutte le informazioni del sistema e avere visibilità migliore sull’andamento della sua attività (anche grazie al commercialista che lo supporta). Per il tipo di lavoro che fa è al passo con i tempi e maneggia bene tutto quello che riguarda il lato “cassa”. Per lui l’introduzione dei corrispettivi telematici sarà molto probabilmente un cambiamento in positivo da affrontare.

Daniele, il parrucchiere che deve digitalizzarsi

Daniele ha un piccolo negozio di parrucchiere ben avviato da anni. Ha meno transazioni, rispetto a Carlo, perché finora ha usato perlopiù ricevute cartacee. Ecco perché ha bisogno di una vera digital transformation dell’aspetto contabile. Questo renderebbe il suo lavoro estremamente più agile, basti solo pensare ai tanti faldoni di ricevute e fatture cartacee che possiede e che ormai non sa più quasi dove mettere. Per lui i corrispettivi telematici potranno essere un problema all’inizio, per questo ha bisogno di un commercialista che lo guidi e che, possibilmente, gli consigli anche i mezzi più adeguati per gestire il tutto, tool o software semplici da usare ogni giorno.

Simona, la commercialista coach

Simona ha bisogno di snellire il lavoro a mano con i clienti, quindi di recuperare digitalmente tutta la documentazione e importarla automaticamente in contabilità. Il processo di digitalizzazione del suo studio in verità è già cominciato, ma quella dei corrispettivi telematici è una sfida nuova, che sa di poter affrontare con fiducia, dal momento che ha già dimestichezza con software e tool per la sua attività. Questa dimestichezza la porta ad essere più sicura anche con i suoi clienti: più il suo lavoro si è digitalizzato più Simona ha tempo per dedicarsi ad altri lati del suo lavoro, ancora più stimolanti. Ecco perché oltre alla mera attività di commercialista ha iniziato anche ad essere per la sua clientela una figura maggiormente consulenziale, sia per quanto riguarda il lato business che per quanto riguarda gli strumenti da utilizzare per rendere al meglio. Insomma, una commercialista… coach!

E voi in chi vi identificate di più? Come vi state preparando al cambiamento?

Scritto da Redazione
Creato il 26 Maggio 2020
Categoria Evoluzione Digitale
Condividi il post