CRM: uno strumento importante. Anche per la ripartenza!

CRM: uno strumento importante. Anche per la ripartenza!

Tempo di lettura: 3 min
CRM: uno strumento importante. Anche per la ripartenza!

Quello che stiamo attraversando è un periodo complicato sotto molti punti di vista. I mesi di lockdown hanno cambiato radicalmente le nostre abitudini di vita, forse per la prima volta, e ritornare alla normalità non è così scontato. Nelle ultime settimane una delle parole che più abbiamo letto e ascoltato è stata “ripartenza” e ripartire significa moltissime cose diverse.

Da un lato c’è la voglia di tornare alla vita di prima, dall’altro però c’è anche il desiderio di non incappare negli stessi errori o imperfezioni di un tempo. 

Sicuramente è un momento delicato per tutti, motivo per cui la figura del commercialista si ritrova a essere una figura chiave non solo per quanto riguarda le attività quotidiane, ma anche quelle di supporto. 

Insomma: i vostri clienti in questo momento hanno particolarmente bisogno di voi e hanno bisogno di chiarezza: mai come ora dovrete essere capaci di fare loro da guida.

Con le riaperture, e tutte le novità derivanti dalle normative per il rilancio del Paese, il vostro lavoro non farà che aumentare, non solo in quantità ma soprattutto in importanza. La gestione del lavoro stesso diventerà per voi e i vostri studi un punto chiave, qualcosa a cui prestare ancora più attenzione di un tempo. E può essere anche un’ottima sfida, se la si affronta con i giusti strumenti. 

Qual è il modo migliore per seguire i vostri clienti al meglio in questo momento (e non solo)? 

La risposta è semplice: conoscere i vostri clienti e prospect al meglio, sapere tutto di loro, fare in modo che nulla vi sfugga. 

E qual è lo strumento migliore in grado di permettervi di avere tutto sotto controllo da questo punto di vista? Sicuramente il CRM. 

 

Scarica il whitepaper: “12 best practices per relazionarsi con i clienti”

 

Oggi andremo a “ripassarlo” in 5 punti semplici e veloci e a vedere come sia possibile sfruttarlo al massimo.
 

Partiamo brevemente dalla sua definizione: il CRM (o Customer Relationship Management) è un sistema per gestire in modo più efficace la relazione con i vostri clienti e con i vostri potenziali clienti, aziende o privati che siano. Ma quali sono le informazioni, all’interno di questa relazione, che non possono mai mancare?
 

  1. Dati anagrafici: nomi, cognomi, indirizzi, recapiti, codici e quant’altro. Si tratta dei dati più importanti, senza i quali non è possibile procedere in nulla. Per questo è importante che vadano conservati sempre al meglio e che siano, per esempio, aggiornabili qualora qualcosa dovesse cambiare.
    Ci sono software, come Genya, che permettono di avere una visione complessiva dei nostri clienti in un’unica dashboard, la CRM dashboard appunto. Con un solo colpo d’occhio potrete avere a disposizione tutto ciò che vi serve sapere, per poi andare ad approfondire.

  2. Eventi: ovvero lo storico dei vostri clienti. Cosa hanno fatto? Quando? Quali sono state, se ci sono state, le problematiche riscontrate?

    Immaginate un widget Cronologia degli eventi, in cui vengono riportate le ultime 10 attività svolte per il cliente da tutti gli utenti e ognuna di queste attività si può approfondire (quando è stata svolta? Da chi? Perché? Insomma, un quadro completo).
    Molto utile per quando si necessita di avere un quadro generale di un nostro cliente nel minor tempo possibile.
     

  3. Scadenze: all’interno di un CRM come Genya è possibile visionare le 12 scadenze successive a partire dal momento della consultazione e avere una visione d’insieme di tutte le scadenze.

    Come ben saprete le scadenze sono una delle questioni che più danno ansia ai vostri clienti: in questo modo potrete tranquillizzarli ed essere tranquilli a vostra volta di non perdere nulla.

    Da questo widget è inoltre possibile visionare le scadenze già superate, per un quadro ancora più completo.
     

  4. Performance: grazie agli indicatori di performance potrete avere dati sempre aggiornati per fornire consulenza ai vostri clienti.
    Anche in questo caso il tool giusto può venirvi in aiuto attraverso dei widget in cui saranno indicati i KPI o indicatori di performance. A cosa servono? Sicuramente a porsi degli obiettivi e aggiustare il tiro qualore non si raggiungano immediatamente.

    Ma anche a porre dei limiti qualora gli obiettivi pensati dai vostri clienti siano irrealizzabili, almeno nell’immediato.

    Tutto questo vi permetterà di distribuire al meglio il vostro lavoro e di fare altrettanto con quello dei vostri clienti.
     

  5. Documenti condivisi: niente tranquillizza i vostri clienti come poter seguire passo passo il vostro lavoro.
    In questo senso il vostro rapporto diventa una vera e propria collaborazione, un’occasione in più per confrontarsi e crescere insieme costantemente.
    Con il giusto software potrete condividere i vostri documenti con il cliente e il cliente può fare lo stesso con voi.

    Il tipo di operatività diventerà sempre più immediato, perché sarà tutto costantemente sotto i vostri occhi: avete idea di quante chiamate e quante email in meno dovrete fare o ricevere?
    Un ottimo modo per diventare sempre più produttivi e farlo con il migliore metodo possibile.
     

È il momento di stare veramente più vicini ai vostri clienti, di rassicurarli e rispondere in modo chiaro alle loro domande, ai loro dubbi e alle loro richieste.
Con la vostra esperienza e i tool giusti sarà un piacere svolgere il lavoro di ogni giorno!

Scritto da Redazione
Creato il 11 Giugno 2020
Categoria Evoluzione digitale
Condividi il post